Cris Sapnit - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti
Cris Sapnit


"Mi sono fatto tutto a tutti" (1Cor 9,22)


18 dicembre 2020
Rocca di Papa, 7 gennaio 2021
Carissime e carissimi,  

Cris Sapnit, focolarino sposato di 75 anni, della Mariapoli Pace, a causa di un attacco cardiaco è partito per la Mariapoli Celeste nella mattina del 18 dicembre, primo giorno del ritiro annuale delle e dei focolarini delle Filippine, mentre stava seguendo online il tema di Chiara sullo “Specifico del focolarino”. Sua moglie, Soni, e la figlia più grande, Desi, entrambe volontarie, hanno tenuto un fortissimo Gesù in mezzo con lui negli ultimi momenti della sua vita terrena.

Cris aveva conosciuto l’Ideale nel 1967, un anno dopo l’apertura dei primi due focolari a Manila: rimane completamente affascinato dalla luce dell’Ideale e decide di seguire Dio come focolarino. Nel 1969 parte per la Scuola di formazione di Loppiano e da lì scrive a Chiara: “…Per Natale voglio fare a Dio dono di me stesso…. Mi dono anche a Maria perché’ continui ad aiutarmi a vivere bene…e mi dono anche a te….”. Chiara gli risponde dandogli una Parola da vivere: “Mi faccio tutto a tutti” (1 Cor. 9,22) e un nome nuovo: Cris = un altro Cristo.

Dopo la Scuola entra a far parte del Gen Rosso per 5 indimenticabili anni impressi nel suo cuore come esperienze piene di gioia. Poi nel 1975, dopo un lungo periodo di discernimento e anche un colloquio privato con Chiara, Cris capisce che la sua vocazione non era quella di essere un focolarino a vita comune. Ritorna nelle Filippine e 1979 si sposa con Soni a cui fa anche conoscere il Movimento.

Negli anni ’80, dopo la nascita delle due figlie, Desi e Marilen, Cris attraversa un momento molto difficile e resta lontano dal Movimento per 17 anni, mentre Soni si inserisce con le volontarie e le due figlie con le gen.  

Nel 2003 riprende i contatti unendosi ad un gruppo di ex-focolarini e ex-gen che si trovano regolarmente con un focolarino per scambiarsi le loro esperienze sulla Parola di Vita. Nel 2007 Cris e Soni frequentano per un anno la Scuola Loreto di Loppiano, mentre le due figlie si inseriscono nella Scuola gen.  Dopo alcuni mesi a Loppiano, scrive a Chiara: “Mia carissima Chiara, ‘Ricordati sempre, in qualsiasi cosa che fai, che tu sei un mio popo’, così mi hai detto per telefono nel ’75, prima che io tornassi nelle Filippine dopo una bellissima esperienza al Gen Rosso….” e alla fine le chiede di rientrare nella Sezione dei focolarini. Chiara risponde di si.

Ritornato nelle Filippine, Cris comincia a lavorare per il Progetto di adozione delle Famiglie Nuove e di altre agenzie, svolgendo questo lavoro con grande passione, stabilendo rapporti belli e duraturi con tutte le coppie venute nelle Filippine per adottare un bambino/a.  

Nel 2015, a 70 anni, fa le prime promesse come focolarino sposato: scherzando tanti gli dicevano che avrebbe fatto le promesse perpetue in paradiso!   
Concludiamo con qualche frase tratta dai tanti messaggi che parlano di lui: “aveva un amore speciale per le e i focolarini… nel focolare di Manila si sentiva veramente a casa”; “Sempre con un bel sorriso! Che cuore grande!”; “Il suo sorriso era veramente contagioso. Il suo amore per la sua famiglia e per il focolare era esemplare”; “Sei entrato nella mia famiglia e vi rimarrai per sempre”; “un grande e gentile uomo!”…
Flavio
Torna ai contenuti