Pier Giorgio Franchi - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti

Pier Giorgio Franchi

2010

Pier Giorgio Franchi


Villa Emilio

16 agosto 1935 - 21 luglio 2010

Dio, di sua volontà, ci ha generati con una parola di verità (Gc 1,18)



24 luglio 2010

Carissimi e carissime,

venerdì 22 luglio, alle 20.30,
Pier Giorgio Franchi, focolarino di Villa Emilio nella Mariapoli Romana, è partito improvvisamente per la Mariapoli Celeste.  Terminata la cena, dopo essersi dichiarati come sempre Gesù in mezzo con gli altri popi del focolare, si era ritirato nella sua stanza accompagnato da un altro focolarino quando è venuto meno per un arresto cardiaco.

Pier Giorgio è nato a Vernasca (Piacenza) il 16 agosto 1935 ed ha un fratello, Francesco, e una sorella, Luisa. Ha conosciuto l’Ideale nel 1955 quando era insegnante elementare. Essendo alla ricerca di un cristianesimo autentico, aveva chiesto a Dio che “
si facesse conoscere” e, attraverso il contatto con il Movimento, aveva capito, come scriveva a Chiara, che l’incontro atteso era avvenuto.

Entrato in focolare nel 1959, è stato in diversi focolari dell’Italia dove, con il suo amore fraterno e paterno, ha lasciato un’impronta profonda in quanti lo hanno conosciuto costruendo fra tutti la famiglia dell’Opera.

Il suo amore, umile e generoso, ha passato momenti di prova che Pier Giorgio ha sempre cercato di vivere nell’unità con gli altri focolarini ed in particolare con Chiara. Un anno decisivo per lui è stato il 1969 quando, nel pieno di una forte crisi, si è lasciato accompagnare da Chiara che, attraverso vari colloqui personali, gli ha fatto riscoprire l’amore di Dio che si nascondeva dietro a tutte le esperienze più dolorose della sua vita.

Il 31 dicembre di quello stesso anno le scriveva: “
A conclusione di quest’anno, che tu sai quanto è stato per me burrascoso e penso anche pieno di grazie, voglio nuovamente ringraziarti. Per me è stato l’anno della Desolata in tutti i sensi e sento di «fermare» questi attimi di fine anno per rinnovare la mia consacrazione totale a Lei”.

Nel 1995 Pier Giorgio è venuto al Centro dove è stato in diversi focolari. Nel 2002, per motivi di salute, si è trasferito a Villa Emilio dove, nonostante il progressivo aggravarsi della malattia, è rimasta sempre viva in lui l’“abitudine” ad amare.

La sua parola di vita è:
“Dio, di sua volontà, ci ha generati con una parola di verità” (Gc 1,18).

Mi è piaciuto particolarmente - e mi sembra che riassuma il suo essere - quanto aveva scritto a Chiara nel 40° della sua entrata in focolare: “…
oggi, è il 40° anniversario della mia entrata in focolare (…). Come ho vissuto? Lascio a Dio l’esatto conto e il giudizio. Come vivo ora? Dio è Amore! Lui è l’Unico Bene del mio cuore!

Nel chiedere a Dio il Paradiso per Pier Giorgio, vogliamo ringraziarlo per il dono della sua vita. Senz’altro egli intercederà per ottenere tante grazie per l’Opera.

Emmaus

Torna ai contenuti