Pierre Garoche - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti

Pierre Garoche

2008

Pierre Garoche

Francia - Parigi

31 gennaio 1949 - 22 settembre 2008

Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa" (Mt 16,18)




Rocca di Papa, 25 settembre 2008


Carissimi e carissime,

Pierre Garoche, focolarino sposato di Parigi, ha concluso il suo cammino qui in terra il 22 settembre all'età di 59 anni, nella più grande serenità e pace, attorniato da sua moglie Sylvie, anche lei focolarina sposata, e dai suoi figli Pierre-Loïc e Bruno.

Dotato di molti talenti, è sempre stato un totalitario, e ancora giovane si era impegnato in gruppi politici di sinistra. Aveva incontrato l'Ideale nel 1966, e nella proposta della vita gen aveva trovato una risposta alle sue esigenze sociali e spirituali. Portava nelle aule dell'università o ai comizi nel '68 la rivoluzione dell'amore.

E' stato uno dei primissimi gen in Francia e anche uno dei rappresentanti dell'"Operazione Africa", andando in Camerun per incontrare quelle popolazioni e aiutarle.

Laureato in fisica, scienziato e ricercatore, aveva un'intelligenza acuta e a volte critica. Ha fatto parte come membro esterno della Scuola Abbà. Era innamorato della Sapienza e ha avuto diversi impegni nell'Opera, sopratutto nel dialogo con la cultura contemporanea.

Lo scorso anno, all'annunzio di un grave tumore, si è preparato con tanta serenità all'incontro con Gesù. Confidava: "Tanti anni fa, ho dato la mia vita a Gesù, è normale che adesso se la prenda." Non aveva paura della morte, ne parlava con tanta serenità insieme a Sylvie.

Durante questi mesi di malattia l'unica sua occupazione era stabilire rapporti con le persone e cercare l'unione con Dio: spesso diceva che la sua anima era in continua lode a Lui.

Pierre sapeva creare la famiglia con tutti, specialmente con i focolarini e le focolarine, rispecchiando il testamento di Chiara. Ha seguito molto da vicino lo svolgersi dell'Assemblea.

La sua Parola di Vita è: "Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa" (Mt 16,18).

Uniti offriamo suffragi per lui, pensando che Chiara avrà accolto in Paradiso con amore e fierezza di madre questo suo figlio.

Emmaus


Torna ai contenuti