Rino Zucchero - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti

Rino Zucchero

2012

Gennaro Rino Zucchero

Villa Nino Misani

22 ottobre 1949 - 3 maggio 2012


Rocca di Papa, 3 maggio 2012

Carissimi e carissime,

questa mattina è partito per il Paradiso Gennaro (Rino) Zucchero, focolarino sacerdote della Mariapoli Romana. Si era sentito male mentre concelebrava le funzioni del Venerdì Santo e si è ritirato in sacrestia dove ha perso coscienza ed è caduto.

Durante le diverse settimane di degenza in ospedale, è stato circondato dall’amore dei focolarini che tenevano con lui Gesù in mezzo. In un momento di lucidità ha espresso loro il desiderio di affidarsi alla Madonna. L’altro ieri è stato necessario ricorrere ad un intervento d’urgenza e questa mattina ha avuto un arresto cardiaco che non è riuscito a superare.

Rino, nato a Napoli il 22 ottobre 1949, era il più piccolo di una bella famiglia composta da due sorelle e un fratello.

Nel mese di maggio del 1968, a 19 anni, aveva conosciuto i giovani del Movimento dei Focolari. Subito scriveva a Chiara dicendole come era rimasto affascinato dalla loro testimonianza cristiana a confronto con la sua vita borghese e le confidava di voler amare Dio. Chiara gli ha risposto: “(…) Non preoccuparti della tua vita borghese, l’amore di Dio vince ogni cosa e tutto in te si trasformerà se avrai lo sguardo fisso all’Ideale del Vangelo”.

Scriveva ancora a Chiara nel marzo 1969: “Da 20 giorni ho sentito la chiamata a seguire Dio in focolare. Ho scelto Lui e a Lui voglio donarmi con tutto me stesso. Non ho altro progetto nella vita se non fare la Sua volontà. Vorrei entrare in focolare non per la gioia o per la bella atmosfera che c’è. Io vorrei entrare in focolare per Gesù Abbandonato(…), il minimo che posso fare è dare la mia vita per ricambiare un po’ il Suo immenso Amore”.

Mentre si trovava a Loppiano in una lettera diceva a Chiara: “Da quando ci hai parlato di Maria, il solo pensarLa mi riempie l’anima e il mio rapporto con Lei è diventato sempre più profondo. La sento vicina e che mi protegge. E’ proprio una mamma! Pian piano mi ha preso per mano e mi conduce alla scoperta di Dio”.

Nel 1973, conclusa la Scuola, è entrato in focolare e, dopo due anni a Rocca di Papa, è stato in diverse città dell’Italia, Francia, Medio Oriente e Stati Uniti. Nel 1990 da New York scriveva: “Mi sento come l’argilla nelle mani del Creatore, un pezzo di materia inerte che prende vita al soffio di Dio”. Il 21 luglio del 1997 è diventato sacerdote.

In questi ultimi anni ha collaborato in diverse parrocchie vicine a Rocca di Papa dove ha lasciato, come dicono alcuni focolarini, una scia d’amore che ha segnato la vita di tante persone, molte delle quali gli sono state accanto fino alla fine.

Pensando che Maria avrà accolto Rino in Cielo insieme a Chiara e ai Mariapoliti Celesti, offriamo i nostri suffragi per lui, grati a Dio della sua vita.

Nell’impegno rinnovato di vivere la Parola,

Emmaus

Torna ai contenuti