Sergio Chiarandini - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti

Sergio Chiarandini

2008

Sergio Chiarandini

Trento

25 settembre 1936 - 21 marzo 2008

Chi trova me (Maria), trova la vita
e otterrà il favore del Signore (Prv 8,35)



Rocca di Papa, 25 marzo 2008


Carissimi e carissime,

la notte del Venerdì Santo - 21 marzo - Sergio Chiarandini, focolarino sposato di Udine, dopo lunghi anni di malattia, ha raggiunto la casa del Padre. Aveva 71 anni.

Nel 1967, già sposato e con due figli, di cui uno volontario, ha conosciuto il Movimento. Dedito alla famiglia e piuttosto riservato, proponeva però a tutti il carisma senza compromessi, in stretta unità con Chiara. Nel 1975 le scriveva: "dopo aver rinnovato il patto d'unità, anche l'anima mia non è più mia, ma sento che si è persa nella tua".

Ha sempre cercato di partecipare alla vita del focolare e dell'Opera finché la salute glielo ha permesso e, anche quando le sue facoltà si erano ridotte, sentendo parlare di Gesù Abbandonato si illuminava in modo speciale.

Nel 2006 lo colpisce un'altra grave malattia incurabile.

Il suo nome nuovo "Saga", che significa: consacrato a Gesù Abbandonato e la sua Parola di Vita: "Chi trova me (Maria) trova la vita e otterrà il favore del Signore" (Prv 8,35), dicono le due caratteristiche essenziali della sua vita: il suo continuo sì a Gesù Abbandonato e la sua totale fiducia e docilità all'amore materno di Maria.

Preghiamo per lui, affinché con Chiara interceda dalla Mariapoli Celeste per l'Opera e per la sua famiglia.

Nel Risorto,

Oreste                                    

Torna ai contenuti