Valter Baldassarre - Mariapoli Celeste_i focolarini

Mariapoli Celeste - i focolarini
Vai ai contenuti

Valter Baldassarre

2012

Walter Baldassarre

Villa Emilio

5 settembre 1926 - 10 settembre 2012

Siate dunque perfetti come è perfetto
il Padre vostro celeste  (Mt 5,48)


Rocca di Papa, 12 settembre 2012

Carissimi e carissime,

Walter Baldassarre, focolarino sposato della Mariapoli Romana, lunedi 10 settembre ha raggiunto serenamente il Cielo. Aveva 86 anni.

Domenica scorsa aveva seguito con attenzione, via internet, il raduno che si svolgeva al Centro dell’Opera per la Mariapoli Romana. La sera, improvvisamente, è stato portato in ospedale per una complicazione respiratoria e si è spento il giorno dopo. Quella stessa mattina aveva detto ad un focolarino del suo focolare: “Teniamo Gesù in mezzo, saluta tutti i popi”.

Walter si era laureato in medicina a Roma e aveva in cuore il desiderio di fare il medico missionario. Per questo aveva studiato la lingua cinese e tibetana pensando di poter aiutare quelle popolazioni. Quando nel 1950 ha conosciuto l’Ideale da Enzo Fondi, uno dei primi focolarini, suo compagno di università, vi ha aderito con l’ardore e lo slancio tipici della sua età. E negli anni successivi Walter era già impegnato in diversi focolari italiani: a Trento, a Firenze, a Loppiano e a Pescara, sempre mantenendo una grande unità con Chiara.

In seguito, per motivi di salute non ha potuto continuare la vita di focolare e nel dicembre 1970 si era sposato con Maria Luisa, divenuta anche lei focolarina sposata. Hanno vissuto dapprima a Roma e poi nei Castelli Romani.

Walter ha sempre avuto un intenso rapporto epistolare con Chiara e da molte lettere traspare pure il suo grande amore per Maria. In una del 2000 si legge: “Per me è quel ‘nulla’ di Maria che mi attira, mi affascina. Voglio vivere il suo nulla fino in fondo, come te, con te. Un ‘non essere d’amore’ che ci india, ecco il programma della mia esistenza”.

Nel 1997 scriveva a Chiara: “Fisicamente non sto bene… non posso far nulla di concreto per l’Opera eccetto offrire tutto di me. Vedo importanti l’attimo presente e la Volontà di Dio...” E in un’altra lettera posteriore: “Tenere Gesù in mezzo in focolare e in famiglia è tutto per me”.

Aveva in cuore un desiderio: “Chiedo a Dio di ridarmi tutte le grazie, prima di morire, che avrei perso per non aver capito o fatto la Sua volontà, perché il Suo disegno su di me si realizzi in tutta la sua pienezza”.

La Parola di Vita che Chiara gli aveva dato è: “Siate dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste” (Mt 5,48).

Credendo che Dio con il Suo amore abbia aiutato Walter a realizzare pienamente questa sua parola, preghiamo per lui e chiediamo tante grazie per Maria Luisa e il figlio Emanuele.


Emmaus

Torna ai contenuti